Utilizzando questo sito accetti implicitamente l'uso dei cookies ai fini di analisi statistica da parte nostra. Clicca su OK se sei d'accordo. Clicca qui per maggiori informazioni.
OK
anonimo2017 - 14/08/2017

Trattamento farmacologico di un disturbo ossessivo compulsivo

Buongiorno,sono un ragazzo di 27 anni e dall\'adolescenza soffro di DOC legato al controllo. All\'età di 20 anni il disturbo si è accentuato così che mi sono dovuto rivolgere a dei professionisti. Ho preso inizialmente la sertralina (dosaggio massimale) e ho iniziato un percorso di psicoterapia cognitivo-comportamentale per una durata di 4 anni. Dopo un\' iniziale risposta positiva al farmaco dopo circa un anno i sintomi si sono riaccentuati e il farmaco è stato sostituito con la venlafaxina (dosaggio massimale). A causa della scarsa risposta, è stato successivamente associata olanzapina (2,5 mg/die) ma non soddisfatti questa è stata sostituita con Aripiprazolo (5 mg/die) che, causandomi però irrequietezza, è stato sostituito con 1 mg di risperidone.Oggi la situazione è sotto controllo, alcuni giorni con meno ossessioni altri con un pò di difficoltà. Volevo chiedere un suo parere relativamente al trattamento farmacologico attuale (venlafaxina+risperidone), grazie.

RISPOSTA:
Buongiorno. Ovviamente non mi permetto di giudicare o valutare il progetto terapeutico di altri colleghi. Non sarebbe corretto eticamente e neppure utile a Lei. Mi limito ad osservare che la letteratura internazionale sull'argomento propone che la terapia di elezione del DOC si basi su farmaci attivi sull'inibizione del riassorbimento del riassorbimento a livello sintetico della serotonina,Tra questi soprattutto quelli privi della inibizione selettiva. L'associazione con neurolettici è desueta.

Interviene: Prof. Giorgio Maria Bressa (23/02/2015)
Ritengo particolarmente utile domandare e discutere con il Suo Medico il progetto che guida la scelta dei farmaci e definire quali sono le aspettative. molto spesso i sintomi ossessivi risentono di condizioni di stress particolarmente elevato ed inoltre alcuni psicoterapeuti particolarmente esperti possono fornire un supporto che integra la terapia farmacologica, Non si perda d'animo ma si lasci guidare.

Sei un medico?

Vuoi rispondere anche tu al quesito?

Iscriviti ora!

Dizionario

Hai qualche dubbio su un termine o un significato? Consulta il nostro dizionario medico online. Clicca sulla lettera corrispondente all'iniziale del termine che cerchi.

Come usare questo modulo

  • SEI IL PAZIENTE CHE HA FATTO QUESTA DOMANDA?
    Puoi leggere la risposta e replicare, se vuoi. Ricordati però di fare il login prima.
  • SEI IL MEDICO CHE HA RISPOSTO A QUESTA DOMANDA?
    Utilizza il modulo per replicare, aggiungere, integrare la tua risposta precedente.
  • SEI UN ALTRO MEDICO E VUOI AGGIUNGERE LA TUA OPINIONE?
    Fai il login e aggiungi le tue considerazioni utilizzando il modulo qui accanto.

Prof. Giorgio Maria Bressa

Prof. Giorgio Maria Bressa

Specializzazione: Psichiatria


DISCLAIMER
I contenuti pubblicati su Chiedialmedico.it hanno scopo informativo e in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire il rapporto diretto con il proprio medico nonché la visita specialistica. Leggi le Linee Guida per l'uso dei consulti online. I contenuti medico-scientifici sono formulati e redatti gratuitamente dai professionisti iscritti e ne è vietata la riproduzione e la divulgazione anche parziale senza autorizzazione.

© 2014-2015 Chiedialmedico.it
è l'area di consulti medici on line di www.staibene.it Registrazione del Tribunale di Roma - no 12828 del 10/12/2005 - Iscrizione al Registro Nazionale della Stampa no 324 del 12/8/2005 ed entrambi sono marchi registrati di Metabenessere S.r.l. Largo Luigi Antonelli 2, 00145 Roma - P.Iva 06004471006 - info@chiedialmedico.it - Tel e Fax: 06 59601145